Cosa pensano i genitori del sonno dei bambini?

Sabato scorso da AMADÀ non eravamo certo da soli, nonostante la bella nevicata che stava tentando di imbiancare Milano; ci siamo quindi imbarcati in un pomeriggio in cui poter chiacchierare del sonno dei bambini a partire dalla presentazione del libro “L’Antipatico signor Sonno” (Silvia Sommariva, ed. Mondadori). Le attese erano molte, i genitori presenti già si confrontavano tra loro sulle loro esperienze e aleggiava la speranza che l’intervento della psicologa di Associazione Alice Onlus (cioè io) avrebbe risolto tutti i loro problemi a riguardo. Figuratevi la sorpresa quando ho messo in chiaro che non avrebbero ascoltato una lezione sull’argomento, ma che le risposte le avremmo tirate fuori insieme!

Mentre gli astanti, ancora un po’ sbigottiti, cominciavano già a guardarmi in cagnesco, ho sfoderato il simpatico Snoopy-cartellone e li ho esortati a scrivere su post-it di colore diverso le prime tre cose sui seguenti argomenti: “Se dico DORMIRE cosa ti viene in mente?” e “Se dico DORMIRE cosa vorresti?”. Il nostro lavoro comincia proprio da qui: dall’esperienza di vita di ogni singola famiglia e situazione.

Snoopy-cartellone

Continua a leggere

Annunci

Quando è l’ora di fare la nanna…

Quando è l’ora di fare la nanna,
sai che fanno i bravi bambini?
Lasciano i giochi e corron da mamma
che li accompagna a lavare i dentini!
Poi si infilano nel pigiamino,
a babbo e mamma danno un bacino,
e si addormentano piano pianino
con la preghiera a Gesù bambino.

Mia madre mi cantava sempre questa filastrocca quando era il momento di prepararsi per andare a dormire, sentirgliela canticchiare a mio figlio quando, in questi giorni di ferie, mi aiuta a metterlo a letto è dolce e rassicurante, ma ancora più bello è vedere il mio cucciolo che ripete o mimare le parole finali di ogni verso per dare il suo contributo alla buona riuscita della canzoncina.
Il momento della nanna è uno dei più significativi nella quotidianità di una famiglia; è il momento in cui si conclude la giornata, ci si saluta e ci si prepara al riposo notturno. Affrontarlo in modo sereno e rilassato è importante per limitare le ansie da separazione e indesiderati risvegli notturni; c’è, però, da dire che è fisiologico il fatto che certi bambini si risveglino saltuariamente di notte fino ai 3 anni circa. Nonostante queste premesse è altrettanto frequente sentire mamme, giustamente, stressate perché il loro pargolo (di pochi mesi o di pochi anni) scambia il giorno con la notte…come risolvere il problema? Offrire una soluzione che funzioni a priori con qualsiasi tipo di bambino è, ovviamente, impossibile: ogni bimbo è diverso, ogni famiglia ha le sue tradizioni e ogni genitore ha le sue opinioni; ma qualche riflessione ritengo possa sempre tornare utile, no?

Continua a leggere

Quando è l’ora di fare la nanna…

Quando è l’ora di fare la nanna,
sai che fanno i bravi bambini?
Lasciano i giochi e corron da mamma
che li accompagna a lavare i dentini!
Poi si infilano nel pigiamino,
a babbo e mamma danno un bacino,
e si addormentano piano pianino
con la preghiera a Gesù bambino.

Mia madre mi cantava sempre questa filastrocca quando era il momento di prepararsi per andare a dormire, sentirgliela canticchiare a mio figlio quando, in questi giorni di ferie, mi aiuta a metterlo a letto è dolce e rassicurante, ma ancora più bello è vedere il mio cucciolo che ripete o mimare le parole finali di ogni verso per dare il suo contributo alla buona riuscita della canzoncina.
Il momento della nanna è uno dei più significativi nella quotidianità di una famiglia; è il momento in cui si conclude la giornata, ci si saluta e ci si prepara al riposo notturno. Affrontarlo in modo sereno e rilassato è importante per limitare le ansie da separazione e indesiderati risvegli notturni; c’è, però, da dire che è fisiologico il fatto che certi bambini si risveglino saltuariamente di notte fino ai 3 anni circa. Nonostante queste premesse è altrettanto frequente sentire mamme, giustamente, stressate perché il loro pargolo (di pochi mesi o di pochi anni) scambia il giorno con la notte…come risolvere il problema? Offrire una soluzione che funzioni a priori con qualsiasi tipo di bambino è, ovviamente, impossibile: ogni bimbo è diverso, ogni famiglia ha le sue tradizioni e ogni genitore ha le sue opinioni; ma qualche riflessione ritengo possa sempre tornare utile, no?

Continua a leggere