A tavola con le fate! La mia proposta (in)decente per una quaresima di condiviosione!

a tavola con le fateLa quaresima, per chi non lo sapesse, è una delle ricorrenze che la Chiesa cattolica e altre chiese cristiane celebrano lungo l’anno liturgico. È un periodo di quaranta giorni che precede la celebrazione della Pasqua e la tradizione lo vuole come un periodo di riflessione personale…alla scuola materna di mio figlio hanno deciso di riflettere sui valori cristiani che dovrebbero accomunare tutta l’umanità. Questa è la settimana della condivisione e, vivendo sul territorio milanese, non poteva mancare l’aggancio con il prossimo EXPO. Il risultato? una raccolta alimentare di generi a lunga conservazione da portare poi alla Caritas di zona. Che siate cattolici oppure no, dovrete ammettere che l’idea non è per nulla malvagia! Parlando con Gabriele abbiamo riflettuto sul nostro essere davvero fortunati, perché alla fine di ogni settimana possiamo permetterci di andare a fare la spesa comprando sia quello che ci serve per mangiare, sia qualche extra che soddisfi le nostre golosità. Purtroppo attorno a noi ci sono tante famiglie che non possono permettersi questo lusso…girovagando qua e là sulle pagine dei social network spesso è facile imbattersi in famiglie che chiedono suggerimenti e scambi di prodotti usati per poter arrivare a fine mese in modo dignitoso. Per Gabriele è stato difficile accettare di togliere qualcosa dalla nostra dispensa e metterlo nel sacchetto che abbiamo portato a scuola: un conto è parlarne in modo astratto, come se fosse una favola triste, un conto è decidere di fare qualcosa sul serio! Quanto ci costa poter pensare di rinunciare ad un vasetto di Nutella e portarlo a chi non può comprarla? Evidentemente molto più di quanto vogliamo ammettere persino a noi stessi!

Caritas e pacchi alimentari: la mia proposta per voi…

Forse non tutti sanno che la Caritas mette a disposizione, nei suoi centri di ascolto, la possibilità di ricevere dei pacchi alimentari per venire incontro alle necessità primarie delle famiglie meno fortunate. Ogni pacco contiene pasta, riso, olio, caffè, zucchero, biscotti, scatolame generico; solo nell’ultimo anno a Milano e circondario ne sono stati distribuiti oltre 60 mila, circa il 31,7% in più rispetto al 2012 (dati Caritas Ambrosiana). Immaginiamo quale possa essere il reale bisogno in tutto il nostro paese e quanto possa essere forte la necessità di sostenere queste iniziative! Arriviamo dunque alla mia proposta per voi…da qui a Pasqua, mi piacerebbe poter far partire una colletta alimentare targata “Casa delle Fate“: fate il vostro sacchetto con dentro scatolame e cibi a lunga conservazione, portatelo ad una sede qualsiasi della Caritas Parrocchiale (o qualsiasi altro ente che accetti raccolte spontanee di alimenti), fategli una bella foto o fatevi un selfie mentre lo consegnate e caricatelo su twitter/instagram/facebook con l’hastag #atavolaconlefate e vediamo un po’ quanti pranzi di Pasqua riusciremo a donare da qui al prossimo 5 aprile (giorno, oltretutto, del compleanno di Gabriele).

Siete con me? guardate che ci conto!!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...