30 settimane di gravidanza

Ed eccoci qua…il numero è di nuovo tondo e, questa volta, vuol dire che mancano 10 settimane al d-day! Il bimbo/a si muove allegramente nel pancione: la norma è di almeno 10 MOVIMENTI (non necessariamente calci) nelle 24 ore, ma tenete presente che ci sono bambini che di giorno dormono e di notte rivoluzionano il mondo! Se, però, siete abituati a sentirlo/a e le cose cambiano, fatevi un bel giretto al pronto soccorso ostetrico….meglio farsi dare delle ansiose che ignorare un sintomo importante! Sarà il caldo, saranno gli ormoni, ma in questo periodo alterno momenti in cui amo il mondo intero a momenti in cui farei stragi armata di AK47…sicuramente il non dormire bene di notte non aiuta la mia stabilità mentale!

Cosa succede al bambino?

Il bambino/a pesa circa 1.5 Kg e la lunghezza dalla testa ai piedi è di 36-38 cm circa; è quindi abbastanza grande, al punto di occupare quasi interamente la cavità uterina, motivo per cui ad ogni suo movimento avrete la sensazione di vederlo uscire dall’ombelico o dal vostro diaframma! Tutta questa ginnastica gli/le serve anche per capire come posizionarsi da solo per il grande evento.

Il cervello del piccolo è in pieno fermento: allena gli occhi ad aprirsi e i polmoni a respirare;  è in grado di vedere gli avvenimenti all’interno dell’utero e può notare la differenza tra luce e oscurità, oltre che individuare una sorgente luminosa.  Il bambino ha sviluppato completamente l’esofago e i polmoni; se nascesse ora avrebbe il 90% di possibilità di sopravvivenza.

Cosa succede alla mamma?

Per molte donne, il terzo trimestre è un periodo duro, a causa dell’aumento dei cambiamenti d’umore e dello stato d’animo. Trovare una posizione comoda, durante la notte, è pressoché impossibile a causa della grande pancia che le si è formata..cuscini sotto le ginocchia o sotto la pancia possono aiutare (sempre se, come me, non vi trovate a Milano nella settimana più afosa dell’anno, ovvio!). Se la pancia si indurisce all’imporvviso non preoccupatevi: sono le contrazioni di Braxton Hicks che fungono da allenamento al parto. Se, però, iniziano ad essere frequenti e dolorose (più di 4 in un’ora), contattate un medico per evitare di partorire in salotto!  Peso in aumento verticale, difficoltà a respirare o digerire, gambe gonfie ecc. possono arrivare a farvi sentire piuttosto esauste! Un ottimo rimedio può essere passeggiare nelle ore fresche, fare docce alternando acqua calda e fredda e, perché no, fare gli occhioni dolci al vostro compagno per scucire un bel massaggio alle gambe e ai piedi! Dopotutto è anche colpa sua se vi state tramutando in una splendida megattera!

Cosa vi resta da fare?

Ormai siete allo sprint finale, per cui:

  • Attenzione a peso, pressione idratazione
  • Fare la borsa per il parto
  • Eseguire gli ultimi esami di routine (ecografia di accrescimento, tampone retto-vaginale per lo streptococco, esami del sangue conclusivi)
  • Allestire cameretta e carrozzina
  • Cominciare a riempire il freezer con cibi pret-a-manger per i primi giorni dopo il parto
  • Farvi coccolare da mezzo mondo (dopo la nascita non sarete più voi il centro dell’attenzione), se vi sentite filo-americane potete farvi organizzare un baby-shower
  • Aspettare e far fare training autogeno al vostro compagno/marito per limitare eventuali crisi di panico al momento del travaglio…ihihih!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...