Come fare l’orto sul balcone

Finalmente siamo a marzo! Il sole scalda un pochino di più, le giornate si allungano e la voglia di primavera ci contagia in tutti gli aspetti delle nostre giornate di mamme e bambini…allora perché non inaugurare la stagione della rinascita costruendo un bell’orto sul balcone? Sarà un’occasione divertente per iniziare i bimbi all’arte del giardinaggio e poi, perché no, potrete gustare direttamente sulla vostra tavola i prodotti del vostro raccolto! Come fare? in realtà è più semplice del previsto.

Cosa occorre

  • Semi di vario genere: se non avete balconi giganti sconsiglio coltivazioni complicate come melanzane o peperoni; andranno benissimo semi di pomodori (tipo ciliegina), carote, valeriana, lattughino, fragole, piante aromatiche (basilico, rosmarino, menta, timo, ecc.), peperoncino, spicchi d’aglio o cipollotti freschi non ancora fioriti, ecc. Si trovano comodamente nei supermercati/centri giardinaggio e persino all’Ikea!
  • Vasi: se ne avete di vuoti partite da quelli! Tenete conto che per una pianta di basilico va bene anche un vasetto piccolo, ma per i pomodori o le carote, è meglio utilizzarne di tipo lungo e alto (come quello che usate per i geranei).
  • Terriccio: sulle confezioni dei semi troverete le indicazioni del terriccio migliore da utilizzare (se acido, basico o universale), solitamente con un saccone di medie dimensioni si fanno dai 3 ai 5 vasi, quindi potete spaziare.
  • Sassolini e carbonella: servono per fare il fondo e mantenere l’umidità del terriccio più a lungo; se non li trovate potete benissimo riutilizzare i cocci di un vecchio vaso rotto!
  • Attrezzi da giardiniere: paletta, guanti, annaffiatoio, cesoiette, fil di ferro e bacchette di legno (van bene anche gli stecchini per gli spiedini). Sappiate che nei centri giardinaggio esistono attrezzi anche di dimensioni ridotte per i nostri aiutanti speciali!

Come procedere

Disponete sul fondo del vaso i sassolini o i cocci;  riempite per 3/4 il vaso di terra, bagnatela e pigiatela con un cucchiaio. Disponete i semi  cercando di distribuirli nel vaso; ricopriteli con uno strato di terra e bagnate il tutto. Finché la temperatura non supera i 15 gradi (fine marzo circa), è meglio tenere i vasi in casa alla luce del sole o in una serretta sul balcone, per evitare che il freddo delle ore notturne faccia morire i germogli; quando farà più caldo potrete spostarli sul balcone mettendoli in un posto dove possano ricevere luce abbondante. Evitate i cornicioni perché il sole estivo, nelle ore più calde, potrebbe bruciarli.

Fatto! ora non vi resta che segnare su un calendario i giorni in cui le vostre colture andranno bagnate (1/2 volte a settimana, aumentate se vedete che il terriccio è secco) e i turni di chi dovrà occuparsene. Sarà bello soprire insieme come nascono le piantine e come fanno a diventare i pomodori che mettiamo nell’insalata! e se qualcosa non cresce, pazienza: svuotate il vaso, rimescolate il terreno e divertitevi a sperimentare una nuova coltura!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...