Il profilo delle famiglie italiane, sempre più tech

Lo scorso 27 novembre ho partecipato all’evento organizzato da Donna Moderna Bambino per mamme e blogger; l’argomento del giorno era FAMIGLIA E NUOVE TECNOLOGIE. Forse non tutti sanno che Donna Moderna, in collaborazione con Microsoft, aveva indetto il concorso Tech Makeover con l’intento di fotografare il rapporto che le famiglie italiane hanno con la tecnologia.

Ben 339 famiglie hanno compilato un breve questionario on-line attraverso il quale sono state raccolte informazioni sulla composizione del nucleo familiare (presenza di anziani e figli), l’area geografica di appartenenza, il numero di device presenti all’interno della casa e il rapporto con internet. I dati sono poi stati analizzati dall’istituto di ricerca Makno/Abis analisi e strategie e presentati in occasione di questo evento targato Donna Moderna Bambino.

Come sono le famiglie Hig Tech?

Come ben sappiamo la tecnologia è parte integrante della vita delle famiglie; non stupisce sapere che l’82% del campione raccolto fosse composto da famiglie con figli (il 34,9% dei quali ha un’età compresa tra i 6 e i 13 anni); quello che colpisce è il ruolo delle donne e, nello specifico, delle mamme che si pongono come le promotrici della comunicazione mediante le nuove tecnologie passandone anche interesse e competenze ai più piccoli

Il potere delle donne è nella loro grande capacità di comunicare. Come mamme le donne sono il ponte verso l’esterno: hanno il ruolo di mediatrici nel passaggio tra la comunicazione tradizionale ai nuovi flussi di comunicazione e informazione in cui tutti, anche i bambini, sono coinvolti. Molto di questo cambiamento passa dal Web. Per questo Donnamoderna.com è attenta ai feedback che riceve, anche da quest’analisi della Tech Family, per poter essere sempre più accanto alla mamma (e alla famiglia) moderna”, conclude Daniela Cerrato, head of Donnamoderna.com.

Contrariamente a quanto si potrebbe, malignamente, pensare, le nuove tecnologie non sono promotrici di isolamento e alienazione personale, al contrario, sono il mezzo che permette l’attivazione e il mantenimento di nuove tipologie di socializzazione e comunicazione anche emotiva all’interno delle famiglie. La possibilità di restare sempre connessi via web permette a genitori che lavorano, nonni e figli di intrattenere rapporti interpersonali costanti ed è così che la tecnologia diventa un mezzo di comunicazione, apprendimento e socializzazione.

Infografica della Tech Family (by Donna Moderna Bambino)

Quali sono gli strumenti più usati e a quale scopo?

In termini di dispositivi, quello che non manca nelle famiglie è sicuramente il notebook (presente nel 95,5% dei casi); TV e smartphone seguono a breve distanza, mentre i videogame sono presenti nel 75% delle case italiane. Quasi tutti i dispositivi, ormai, si connettono automatcamente a internet, ma non tutte le famiglie utilizzano questa possibilità nello stesso modo. L’analisi semantica e iconica dei dati raccolti dimostra che le parole e le associazioni di significato più frequenti fanno riferimento al concetto di innovazione e alle persone che ne fanno uso ed evidenzia la centralità del nucleo familiare: tutti i componenti vengono citati come protagonisti del mondo della tecnologia, che viene vista come fattore che favorisce il contatto e lo scambio relazionale. Sono molto frequenti le foto in cui avviene un trasferimento di competenze, in cui si crea cioè un momento di condivisione, che vede protagonisti soprattutto i genitori e i fratelli. Infine, la tecnologia tende ad assumere la connotazione di “memoria collettiva”, in quanto i device vengono utilizzati dalle famiglie per dare forma concreta ai ricordi e alle esperienze vissute insieme.

La festa dopo la conferenza20121127-185533.jpg

Finita la conferenza e ringraziato il professor Mario Abis, tutti i presenti, sottoscritta inclusa, si sono lanciati sull’appetitosissimo rinfresco. Come è ovvio, questi eventi non sono solo dedicati alla trasmissione dei dati ottenuti, ma sono un’ottima occasione per incontrare altre mamme e altre professioniste del settore e di scambiarsi idee, opinioni e contatti e, soprattutto, chiacchierare amabilmente dei nostri cuccioli e di quanto siano già abilissimi nell’utilizzare le nuove tecnologie (basti pensare che mio figlio, a 19 mesi, sia già perfettamente in grado di sfogliarsi le foto sul mio smartphone e sappia già quale bottone schiacciare per accendere il computerino su cui sono caricati gli episodi dei suoi cartoni preferiti).
Come sempre capita, è arrivata anche l’ora di andare a casa e, di nuovo, una sorpresa per le mamme: una borsa “griffata” Donna Moderna piena di libri e gadget per mamme e piccini… decisamente una mattinata al TOP!
Vorrei ringraziare e salutare lo staff di Donna Moderna Bambino, le simpaticissime INSTAMAMME, mammaeconomia blogger in chief di DM Bambino e colei che ha reso possibile la mia partecipazione inviandomi l’invito: castagnamatta.

Alla prossima!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...