Primi passi nell’allattamento

Spulciando gli abstract della sedicesima conferenza internazionale del ISRHML (International Society for research in Human Lactation), tenutasi a Trieste a cavallo tra settembre e ottobre 2012, mi sono ritrovata a riflettere sulle innumerevoli difficoltà che le neomamme si ritrovano all’inizio dell’allattamento e a come manchi quasi totalmente la possibilità di ricevere  formazione e  sostegno adeguati sull’argomento. Eccovi alcuni spunti su cui riflettere sull’allattamento, tema che ci coinvolge e tocca molto da vivo.

Cosa dice la scienza

Non è un mistero che in questi anni si sia finalmente riconosciuto che il latte materno rappresenti il miglior alimento per i neonati, in quanto è in grado di fornire tutti i nutrienti di cui i bambini hanno bisogno nella prima fase della loro vita (es. certi acidi grassi polinsaturi, proteine, ferro assimilabile);  inoltre, contiene sostanze bioattive e immunologiche che non si trovano nei sostituti artificiali e che invece sono fondamentali sia per proteggere il bambino da eventuali infezioni batteriche e virali, sia per favorire lo sviluppo intestinale. Ma non è finita qui; l’allattamento è anche uno dei momenti più intensi e indimenticabili in cui avviene anche uno scambio emotivo ed affettivo tra mamma e bambino. Guardarsi negli occhi vuol dire conoscersi e riconoscersi e fortificare quel legame di fiducia e amore reciproco che guiderà la relazione mamma-bambino per tutta la durata della loro vita. Neonatologi e psicologi consigliano di attaccare il bambino al seno subito dopo il parto, facendo in modo che si instauri con la mamma il cosiddetto contatto “pelle-a-pelle”. Pensate che già nelle primissime ore di vita, il piccolo è in grado di trovare da solo il seno materno e di attaccarvisi; il corpo della madre, oltretutto, aiuta il bambino a mantenere una temperatura adeguata (molto importante per bambini molto piccoli o nati pretermine, ma anche per i bimbi sani nati a termine) e il bambino ne risente in modo positivo.

Secondo la definizione dell’Oms (Ordine Mondiale della Sanità), l’allattamento può essere:

  • allattamento al seno esclusivo: solo latte materno
  • allattamento al seno predominante: latte materno + liquidi non nutritivi
  • allattamento complementare: latte materno + latte di formula.

Vantaggi per mamme e bambini

Non tutti sanno che il latte materno è specie specifico, cioè, è un alimento biologicamente adatto per l’essere umano, in quanto prodotto dall’essere umano stesso. Durante la crescita modifica continuamente la sua composizione, rendendola ancora unica e inimitabile perché calibrata appositamente dall’organismo della mamma per rispondere alle necessità del suo cucciolo. È per questo che tutti i bambini dovrebbero essere esclusivamente allattati al seno per i primi sei mesi di vita (26 settimane); secondo le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, dell’Unicef e dell’Unione Europea, recepite anche dal nostro Ministero della Salute, l’allattamento al seno dovrebbe poi continuare per due anni e oltre, secondo il desiderio della mamma e del bambino (io ho allattato mio figlio fino a oltre il primo anno di vita).
L’allattamento al seno ha incredibili vantaggi sia per la mamma sia per il bambino; ad esempio, nei bambin riduce l’incidenza e la durata delle gastroenteriti, protegge dalle infezioni acute (polmonite, otiti, infezioni da Haemophilus influenzae meningiti e infezioni urinarie), riduce il rischio di sviluppare allergi, migliora la vista e lo sviluppo psicomotorio ed è associato a più bassi livelli di  sovrappeso ed obesità durante l’adolescenza e la vita adulta. Per le mamme, invece, allattare vuol dire accelerare la ripresa dal parto e il rientro dell’utero nelle sue dimensioni ottimali e riduce il rischio di emorragia e di mortalità; prolunga il periodo di infertilità post parto, favorisce la perdita di peso e il recupero del peso forma, riduce il rischio di cancro della mammella prima della menopausa e il cancro dell’ovaio, riduce il rischio di osteoporosi.

 

Annunci

One thought on “Primi passi nell’allattamento

  1. concordo in pieno!x quanto mi riguarda allattare il mio cucciolo è una cosa meravigliosa..è vero all’inizio non è facile ma poi diventa una cosa così naturale!io adoro allattare il mio bimbo anche se domani compie 1 anno!ma spero di poterlo fare ancora per un pò..poi mi mancherà non doverlo fare più..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...